Benvenuti sul nuovo www.toscanarugby.it

Al via il Torneo “Denti” con il convegno “Trent’anni di rugby, trent’anni di sport”

P1010979

Traumatologia, infortuni, condizione fisica e prevenzione sono stati i temi principali del Convegno “Trent’anni di rugby, trent’anni di sport” che ha inaugurato il lungo week end del torneo “Denti”.
Un’occasione di confronto, promossa dal centro medico Diagnosys e da Gispi Rugby Prato, destinata agli addetti ai lavori, ma anche a tutti gli appassionati di rugby e di sport in generale, che hanno potuto ascoltare relatori competenti e affrontare argomenti di stretta attualità.

Parole come “concussion” (contusione cranica) sono state descritte con dovizia di particolari, informando genitori ed atleti circa i rischi che si possono correre su un campo da rugby.

Non solo infortuni al centro del dibattito, ma anche e soprattutto prevenzione dei traumi e condizione fisica in età puerile ed adulta.

La presenza di Vincenzo Ieracitano ed Elena Chiarella, rispettivamente medico della nazionale italiana rugby, e preparatrice fisica della nazionale femminile rugby, ha portato l’attenzione su ciò che si deve fare nei casi specifici di traumi cervicali e cerebrali.

Tre ore di interventi centrati anche su percorsi diagnostici e terapeutici, sul come intervenire per un completo recupero dell’atleta infortunato.

Oltre ai già citati Ieracitano e Chiarella, sono intervenuti Giorgio Galanti direttore Medicina dello Sport Università di Firenze, Marco Gianassi medico dei Cavalieri Prato Rugby, Manlio Ianni medico fisiatra, Andrea Magro fisioterapista, Francesco Sasso ortopedico, Maurizio Bertoni ortopedico, Fabrizio Tempesti amministratore Diagnosys.

Dichiarazioni:

Fabrizio Bertocchi -Presidente Gispi Rugby Prato- “E’ stata una grande occasione di confronto su temi sensibili del nostro sport. Interventi molto interessanti, utili a tutti per aprire gli occhi e orientati a dedicare il giusto tempo e la giusta attenzione alla sfera medica, che spesso non riceve tempo adeguato all’interno delle Società sportive.”