Benvenuti sul nuovo www.toscanarugby.it

Firenze 1931 sconfitto nel recupero dal Colorno

copertina_serie_ab

 

Niente da recriminare sull’impegno profuso dai ragazzi di Aeroporto Firenze che oggi in una giornata di sole al Lodigiani del Campo di Marte hanno provato di tutto e fino all’ultimo minuto per portare a casa il recupero del 14° turno di Serie A1 contro i parmensi del Rugby Colorno. Purtroppo a volte solo l’impegno non basta, e oggi probabilmente la pressione per la situazione di classifica ha avuto la meglio ancor più del valore degli avversari. La lotta serrata per la salvezza è una condizione a cui la squadra non sta rispondendo bene e oggi se ne sono subiti gli effetti con scelte discutibili, errori banali e incapacità di sfruttare i punti deboli dell’avversaria compreso un secondo tempo giocato quasi per intero in inferiorità numerica.

 

Molta voglia di far bene trapela dall’approccio positivo della formazione di Sordini e Cagna dei primi minuti di gioco. Al 1′ Mené conclude tra i pali un calcio di punizione per un tenuto a terra (3-0). Firenze continua a imporre il suo gioco ed è Santi che coglie un bell’intervallo nella difesa avversaria per penetrare fino ai 5 mt ospiti, ma lo scarico sul sostegno ė infelice e non si conclude. Il Colorno non attende molto per rendersi pericoloso una volta riconquistata la metà campo avversaria. È Lauri che al 12′ conclude in meta per il 3 a 5 un sovrannumero sui trequarti originato da una touche sui 22 gigliati. Ceresini non trasforma. Risponde Mené dalla piazzola al 14′ che riporta in vantaggio i suoi (6-5). il gioco ė dinamico con il Colorno che propone buone fasi di attacco sul gioco aperto ma la pressione difensiva del Firenze manda in affanno gli ospiti che non concretizzano fino al piazzato di Ceresini al 27’. Quest’ultimo si ripete dopo pochi minuti approfittando delle croniche sbavature disciplinari gigliate realizzando un altro piazzato dalla lunga distanza (6-11). I fiorentini cercano di costruire gioco si portano in avanti ma in una fase di trasmissione al largo ne approfittano i trequarti ospiti che intercettato il pallone e impostano il contrattacco che manda in meta Canni per il 6 a 16. Prima della chiusura del tempo, i gigliati sprecano un’occasione madornale su un contrattacco nato da una ripartenza veloce del mediano di mischia Mené, meta non concessa per tenuto alto. Purtroppo anche le successive occasioni in attacco derivate dalla mischia a 5 concessa da Colantonio rimangono sterili.
Riprendono le ostilità e dopo pochi minuti un fallo biancorosso in mischia mette in condizione Ceresini di incrementare il tabellino a vantaggio emiliano 6-19. Facendo appello a tutte le loro energie i fiorentini, alternando combinazioni strette alla mischia e al largo, si portano a ridosso della meta ospite fino a che Mac Lachlan non trova il varco nella prima linea difensiva colornese e segna in prossimità dei pali. Mené trasforma per il 13 a 19 al 10′. A favorire il buon momento di Aeroporto Firenze alla meta realizzata si aggiunte il rosso per il centro Pace per stamping nell’azione della meta. Malgrado questo, dopo pochi minuti l’ennesimo fallo di spinta in mischia chiusa, permette a Ceresin di incrementare il punteggio per il Colorno (13-22). A seguire, da una touche, di nuovo nata da punizione per fallo in mischia, ha via libera sulla chiusa la combinazione che porta Barbieri a segnare la 3a meta ospite successivamente non trasformata (13 a 27). Il Colorno non si da per vinto, e al 29’ concretizza con una meta tecnica per falli ripetuti la mischia a 5 derivante da un lungo calcio di spostamento che Difrancescantonio è costretto ad annullare sulla pressione avversaria. Facile la trasformazione di Ceresin per il 13 a 34. I gigliati si riportano in avanti intenzionati a recuperare un divario di punti ormai incolmabile anche grazie alla solidità della fase difensiva del Colorno. Gli ultimi minuti di gara, contraddistinti da un ritmo ancora alto, riservano l’ultima mancata occasione per i gigliati che non riescono a concludere una favorevole situazione da meta.

 

Il commento del presidente di Aeroporto Firenze Giacomo Lucibello: “La cosa più importante è che lo spogliatoio in questo momento difficile rimanga unito. Abbiamo ancora davanti sei partite in cui dobbiamo dare ancora il meglio di noi. Dobbiamo arrivare ai play out, che ormai sono per noi una realtà che si concretizza domenica dopo domenica, con la squadra al meglio per cercare di preservare la categoria che più ci appartiene, la Serie A. Non è la prima volta che la nostra Società, la nostra prima squadra, affronta una situazione difficile e sono sicuro che troveremo il modo di rialzare la testa velocemente.”

 

“Oggi ho visto una squadra che in campo ha dato tutto, ma che purtroppo non ha la tranquillità necessaria, che gioca con tanta tensione. – prosegue Lucibello – Tante scelte sono state dettate dalla fretta di fare bene e questo purtroppo nel gioco del rugby non è mai una cosa buona. Sono sicuro che gli allenatori lavoreranno per trovare invece un sistema che ci aiuti a finalizzare tutto il volume di gioco che facciamo. Un dispendio di energie che è normale che poi si ripercuota sugli ultimi minuti del secondo tempo durante i quali non riusciamo mai ad essere brillanti. Anche oggi abbiamo costruito molto ma abbiamo raccolto pochissimo, mentre abbiamo concesso due spiragli al Colorno e loro ci hanno puniti cinicamente, come è successo anche la scorsa domenica contro il Rubano.”

 

Firenze, Stadio Lodigiani – domenica 16 marzo 2014
Serie A, recupero XIV giornata
AEROPORTO FIRENZE RUGBY v RUGBY COLORNO 13-34 (6-16)
Marcatori: p.t. 1′ cp Mené (3-0); 8’ mt Lauri nt; 14’ cp Mené (6-5); 25’ cp Ceresini (6-8); 28’ cp Ceresini (6-11); 35’ mt Canni nt (6-16); s.t. 3′ cp Ceresini (6-19); 10’ mt Mc Lachlan tr Mené (13-19); 14’ cp Ceresini (13-22); 19’ mt Barbieri nt (13-27); 29’ mt tecnica Colorno tr Ceresini (13-34).

Aeroporto Firenze Rugby: Falleri, Semoli (1′ s.t. Di Francescantonio), Rios (19′ s.t. Ghini), Meyer, D’Andrea (35’ s.t. Petrangeli), Nava, Mené, Santi, Ippolito (28′ s.t. Bianchini), Fortunati Rossi, Parri (32′ s.t. Savia), Ciampa, Mc Lachlan (28′ s.t. Fantoni), Fanelli (21′ s.t. Meroni), Piccioli (21′ s.t. Bianco). All. Sordini-Cagna

 

Rugby Colorno: Corso (13′ p.t. Canni), Lauri (30′ s.t. Padovani), Pace, Galante, Terzi (14′ s.t. Barbieri), Ceresini, Dusi, Borsi (18′ s.t. Pop), Modoni, Barbieri (20′ s.t. Slawiz), Da Lisca, Caprioli, Tripodi (30′ s.t. Armantini), San Felici (11′ s.t. Goegan), Buondonno (20′ s.t. Palma). All. Mordacci-Falsone

 

Arbitro: Colantonio (Roma)

G.di L.: Rosamilia, Pierantoni

Calciatori: Mené (Aeroporto Firenze) 3/3; Ceresini (Colorno Rugby) 5/8
Cartellini: 11’ s.t. cartellino rosso Pace (Colorno Rugby).

Note: Tempo soleggiato, campo in buone condizioni, 250 spettatori.

Classifica aggregata: 0-5

 

Classifica:
L’Aquila Rugby 1936 punti 67; Accademia FIR punti 54; Lyons Piacenza punti 53; Recco punti 50;  Valpolicella punti 49; Cus Verona punti 47; Rugby Colorno punti 45; Rugby Banco di Brescia punti 30; Udine punti 26;  Rubano punti 20;  Aeroporto Firenze 14;  Romagna punti 7.

Prossimo turno domenica 23 marzo 2014
Colorno – Recco; Rubano – Cus Verona; Accademia FIR – Romagna; Valpolicella – Brescia; L’Aquila Rugby – Udine; Lyons Piacenza – Aeroporto Firenze.