Benvenuti sul nuovo www.toscanarugby.it

Il Tirreno batte i Lions Salviano nel recupero di C2

copertina_serie_c
QUI UNION TIRRENO -
Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Si, sembrava che il film fosse già stato visto, ma l’esito non è certo stato scontato. Il recupero tra le prime due della classe si preannunciava di difficile interpretazione occorreva calma ma anche impeto, testa ma anche muscoli, testa ma anche sangue freddo. Tutti ingredienti che non sono mancati. Bella è stata anche la cornice di pubblico che ha sostenuto entrambe le compagini.

La cronaca: Partenza in assalto per il San Vincenzo che chiude subito nella sua area i livornesi costretti a fare falli ed è al 5′ che con una magistrale applicazione del regolamento che l’arbitro concede meta tecnica ai locali per reiterato fallo su chiara occasione da meta. Trasforma Macchioni. I Sanvincenzini non si accontentano e in azione di mischia vanno ancora in meta con il rientrante Dello Russo. Il Livorno si scuote e al 10′ trasforma un calcio da posizione non facile. Le squadre si prendono le misure ma qualche buona azione si vede ma non le realizzazioni. Al 27′ è Macchioni a calciare tra i pali una punizione. Il finale di primo tempo sembra in mano al San Vincenzo con la prima concreta possibilità di chiudere il mach quando il Livorno rimane stupidamente con un uomo in meno per gli ultimi 10′: invece  gli ex-rufus si complicano la vita in maniera inverosimile:  al 35′ fallo, espulsione temporanea e dalla conseguete punizione  a favore del Livorno nasce la meta, l’unica per i labronici. Galvanizzati dalla segnatura, i livornesi,  traformano anche un calcio al 37′. Primo tempo 15-13.

Seconda frazione completamente in mano ai labronici che ne inventano di tutti i colori per beffare la retroguardia sanvincenzina che ci mette molto del suo per favorire gli attacchi livornesi, la seconda frazione non è un bel rugby ma in queste partite conta una cosa sola: il risultato. Il Livorno non segna ma l’Union si e al 27′ nella prima occasione che si presenta è Cilembrini che concretizza il carrettino di maul a seguito di una touche. Trasforma Macchioni. A parziale consolazione per il livorno arriva un calcio al 37′. Finale concitato ma punteggio 22-16.

Formazione:  Naoui, Fontana, Ciurli,  Oretti, Iseni, Macchioni, Miraglia, Sottile, Leggieri, Dello Russo, Massei, Mariotti (Cap.), Catoni, Cilembrini, Castagnini. Entrati dalla Panchina: Moldovan, Giombetti,  Canaccini, Pagano, Morra, Longobardi, Kolaj.

Prossimo impegno il  23 marzo 2014 ore 14:30  RUGBY GARFAGNANA – UNION TIRRENO

 

QUI LIONS SALVIANO -

I Lions Salviano restano solitari sul gradino più alto della classifica. A San Vincenzo, contro i locali dell’Union Tirreno cadetto, imbottito nella circostanza da ben cinque validi elementi (tre di mischia e due nella linea arretrata) normalmente utilizzati in serie B (nella prima squadra), gli amaranto guidati dagli allenatori-giocatori Bertolini e Cannavò hanno perso ‘solo’ 22-16. In graduatoria, 4 punti per i padroni di casa ed 1 (per il passivo inferiore alle 8 lunghezze) per gli ospiti. I Lions Salviano salgono a quota 49 ed evitano il sorpasso dell’Union Tirreno cadetto (48 punti all’attivo). Ecco la situazione nella parte alta della classifica della C2 toscana, girone ovest, a 4 turni dalla fine: Lions Salviano Livorno 49 p.; Union Tirreno cadetto 48; Cus Pisa* 46; Bellaria Pontedera** 43; Fulgida Etruschi Livorno* 37. *Cus Pisa ed Etruschi scontano 4 punti di penalizzazione; **Bellaria sconta 8 punti di penalizzazione. Il derby della costa è stato decisa da piccoli episodi. Con un briciolo di fortuna in più, i Lions Salviano (privi peraltro di Margil Shani e Corrado Petrantoni) potevano evitare la sconfitta. Rimane il dato di fatto che la squadra amaranto, giocando alla pari con un avversario oggettivamente più dotato, ha ‘firmato’ una nuova grande impresa. I Lions Salviano, che annoverano nelle proprie fila elementi al loro rientro agonistico dopo anni di inattività e addirittura giocatori alle prime armi in assoluto nel mondo della palla ovale, stanno viaggiando su ritmi impensabili ad inizio annata. L’Union Tirreno cadetto sfrutta, nei primi 25′, la potenza del proprio pacchetto per scavare un mini solco. Una meta tecnica (concessa in modo generosa), una meta realizzata con il pacchetto e cinque punti di piede permettono ai locali di issarsi sul 15-0. I Lions Salviano non si perdono d’animo e dopo le difficoltà iniziali cominciano a macinare gioco. Ottima, nella squadra amaranto, l’organizzazione nelle touches e brillanti le azioni dei mediani. La meta del mediano Calvetti, condita da due piazzati ed una trasformazione dell’apertura Civita, permettono di rosicchiare il ritardo e di presentarsi al breve intervallo in ritardo solo 15-13. Nella ripresa, Civita non indirizza fra i pali due calci dalla piazzola. L’Union Tirreno cadetto allunga con una nuova meta trasformata: 22-13. Gli ospiti mantengono il dovuto smalto. Civita accorcia le distanze con un penalty (22-16 al 73′). Negli ultimi 7′, amaranto all’assalto, a caccia della meta che se trasformata avrebbe consegnato il clamoroso sorpasso. I padroni di casa si salvano con molto mestiere e, proprio all’ultimo tuffo, evitano la marcatura sotto i pali con un’azione difensiva al limite del regolamento. I Lions Salviano vedono interrompersi la striscia di successi, ma conservano la prima piazza in graduatoria. Domenica prossima trasferta sul campo del Cus Pisa, terza forza del torneo. Lo schieramento amaranto a San Vincenzo: La Russa; Miceli, Brucciani (14′ st Dell’Omodarme), Bassano, Cannavò; Civita, Calvetti; Venturi, Petrantoni F., Mazzoli (21′ st Caruso), Filippeschi, Pulaha; Salvo, Rosellini, Lorenzoni (24′ st Tonelli). A disp.: Contini, Ferretti, Testi, Bertolini.