Benvenuti sul nuovo www.toscanarugby.it

Isola d’Elba: quando lo sport diventa solidarietà

Rugby Carcere Portoazzurro

Giovedì scorso all’interno del Carcere di Porto Azzurro l’Elba Rugby ha organizzato una bella manifestazione di solidarietà, una rappresentativa di giocatori dell’Elba Rugby e dell’Etruria Piombino ed un folto gruppo di detenuti hanno dato vita ad un incontro di Rugby che peraltro ha visto prevalere i detenuti allenati da Marcello Serra e Massimo Mansani durante tutto l’anno trascorso.

Una manifestazione che ha visto la partecipazione del ex capitano e simbolo della nazionale italiana di rugby Alessandro Troncon, il Vice presidente della Federazione Italiana Rugby, Avv. Antonio Saccà, il Docente dei corsi di formazione organizzati in Toscana Diego Saccà, il Delegato CONI per la Provincia di Livorno Claudio Bianchi, Dirigenti delle due Società intervenute che con la loro presenza hanno testimoniato l’attenzione che il mondo dello sport ed in questo caso del rugby, con la sua filosofia, ha verso la funzione riabilitante che la filosofia del rugby può’ avere nei confronti della condizione dei detenuti.

L’evento è stato possibile grazie e soprattutto alla fattiva collaborazione ed all’ entusiasmo dell’educatore Paolo Maddonni, alla disponibilità del vice sindaco di Porto Azzurro Angelo Banfi, ed all’impegno di Fabio Borsi, Marcello Serra e Massimo Mansani, per l’Elba Rugby.

Al termine un simpatico rinfresco, organizzato dagli stessi detenuti con prodotti lavorati all’intero del carcere di Porto Azzurro, a cui sono seguiti brevi interventi di SACCA’, BANFI e BIANCHI che hanno confermato l’impegno della FIR e del Comune di Porto Azzurro nel portare avanti queste iniziative finalizzate a reinserire nella società i detenuti che a fine pena avranno l’opportunità di entrare in Società Sportive dei loro futuri luoghi di residenza ed essere accettati con fraternità.

Agli allievi di Serra e Mansani si è unita la competenza ed il sostegno del tecnico regionale FIR Diego SACCA’ che nella fase introduttiva ha esposto il messaggio educativo del rugby come veicolo di una serena convivenza attraverso il rispetto delle regole e del prossimo