Benvenuti sul nuovo www.toscanarugby.it

Rugby Championship: gli All Blacks non si fermano

rugby-champioship-pos

Quinto turno del The Rugby Championship ed a Cape Town in palio il Mandela Challenge Plate che il Sudafrica fa suo con una gara assolutamente dominata. Gara che iniziava con punti di Lealiifano e Steyn (601 punti e 50° caps) che al 6′ ed all’8′ muovono il punteggio. Sudafrica che gioca puntando come solito su impatto fisico e calcio alto e pressione. La prima meta arrivava al 13′ con Strauss che sfrutta il buon lavoro dei compagni e buca dove lascia lo spazio Cooper che sbaglia il tempo dell’intercetto. Trasforma Steyn (10-3). Bel Sudafrica che al 14′ in controfuga trova la seconda meta con Kirchener che sfrutta un’apertura repentina di Steyn e poi de Villiers. Al 15′ Sudafrica avanti 17-3. Australia stranita. Al 19′ Steyn mette a segno tre punti dopo fallo di Kuridani. Non c’è partita con i Wallabies in balia degli Springboks. Al 27′ giallo a Hooper placcaggio pericoloso su Etzebeth. Grandina sull’Australia. Sudafrica ad una lunga azione offensiva (11 fasi) con Habana fermato a pochi metri dalla meta. Si torna su un calcio per Steyn che al 31′ porta i suoi sul più venti. Fine primo tempo segnato dal giallo a Flip van der Merwe per un bruttissimo placcaggio su Tomane. Ripresa che si apre con l’Australia che prova a riaprire la gara ma Sudafrica che regge senza affanni. Wallabies che non trovano sbocchi. Al 63′ buona azione Australia ma ovale rubato dalla difesa. Al 67′ giallo a Vermeulen per in avanti volontario. Al 71′ meta di Le Roux a chiudere definitivamente i conti (28-3 al 72′) con l’uomo in meno. Sudafrica a caccia del bonus. Giallo a Timani per placcaggio di spalla che peraltro aveva colpito un compagno.  Al 77′ meta improvvisa di Feauai – Sautia per l’Australia dopo calcio passaggio di Cooper. Gara che termina senza bonus per il Sudafrica. La prossima sfida tra Springboks e All Blacks si annuncia comunque infuocata e decisiva per il titolo.

Nella sfida di questa notte Nuova Zelanda che ottiene la quinta vittoria e che si appresta alla sfida con gli Springboks con un classifica importante. Buona partenza Pumas con Sanchez a segno all’8′ ed al 15′. Nel mezzo, però, la segnatura di Cruden e dopo la meta di Savea. Chiudeva il primo tempo ancora Sanchez (9-11). Argentina pienamente in gara e molto tosta ma Nuova Zelanda imprendibile nella ripresa con mete di Cane e Ben Smith (2).

29 Settembre 2013:
South Africa – Australia 28-8 (Cape Town)
Argentina – New Zealand 15-33 (Estadio Ciudad de La Plata, La Plata)

6 Ottobre 2013:
South Africa – New Zealand (Johannesburg)
Argentina – Australia (Estadio Gigante de Arroyito, Rosario)
19 Ottobre 2013:
New Zealand – Australia (Dunedin)

La classifica:
Nuova Zelanda 23 (5)
Sud Africa 18 (5)
Australia  4 (5)
Argentina  2 (5)

17/18 Agosto:
17/08 Australia – Nuova Zelanda 29-47 (Sydney)
18/08 South Africa – Argentina 73-13 (Bloemfontein)
24 Agosto:
24/08 New Zealand – Australia 27-16 (9.35, Westpac Stadium, Wellington)
24/08 Argentina – South Africa 17-22 (21.10, Estadio Malvinas Argentinas, Mendoza)
7 Settembre 2013:
Australia – South Africa 12-38 (Suncorp Stadium, Brisbane)
New Zealand – Argentina 28-13 (Waikato Stadium, Hamilton)
14 Settembre 2013:
Australia – Argentina 14-13 (arbitro George Clancy, Paterson Stadium, Perth)
New Zealand – South Africa 29-15 (arbitro Romain Poite, Eden Park, Auckland)